Nozze civili country-chic: Angela e Pietro, 28 giugno 2014

Nozze civili country-chic: Angela e Pietro, 28 giugno 2014 – Oggi su Matrimonio Creativo abbiamo la gioia di ospitare il matrimonio di Angela e Pietro, un evento country-chic celebrato all’aperto con rito civile. Per una volta, è Angela, la sposa – nota giornalista e scrittrice – a raccontarci tutti i dettagli di quello splendido giorno…

Io e Pietro abbiamo deciso di sposarci sabato, 28 giugno 2014, fissando la data delle nostre nozze soltanto la fine di marzo 2014. In pratica, abbiamo organizzato il giorno più bello della nostra vita, in soli tre mesi. In barba a tutti quelli che ci dicevano che, per organizzare un bel matrimonio, fossero necessari diversi mesi di tempo. Almeno un anno, dicevano! Una data importante, per noi, quella del 28 giugno, perché coincide proprio con il nostro Primo anniversario di fidanzamento. matrimonio civile country-chic Angela e PietroCosì abbiamo deciso di suggellare questo giorno rendendolo ancora più speciale, per noi, con il nostro matrimonio.
Tre mesi di tempo sono, comunque, un periodo sufficiente per organizzare il giorno più romantico e bello della vita di una coppia, lo si può fare in modo originale, creativo, e soprattutto, come lo si desidera. Avere le idee chiare è senz’altro il punto di partenza, fondamentale ingrediente per la buona riuscita del matrimonio stesso.

Nozze civili country-chic: scelta della location

Prima di tutto io e mio marito (all’epoca dei fatti ancora fidanzato), abbiamo scelto la location.
Tra le cose che abbiamo in comune io e Pietro, c’è l’amore per il mare, così abbiamo scelto una località marina, San Lucido, un piccolo ma grazioso borgo medievale sul Tirreno cosentino. Un posto facilmente raggiungibile per i nostri invitati.
Per evitare ai nostri ospiti spostamenti con il caldo di fine giugno, abbiamo optato per svolgere anche la funzione nello stesso paese. La prima cosa che abbiamo fatto è stata quella di parlare con il titolare del ristorante di San Lucido, rinomato e specializzato per la cucina a base di pesce, dove noi eravamo stati già alte volte conoscendone le buone qualità gastronomiche, unite alla location realizzata dentro un’antica fortezza medievale: il Dragut.
matrimoni country chic ricevimento all'apertoE devo dire che la nostra scelta si è rivelata vincente, poiché i nostri invitati hanno gradito la cucina delicata e particolare, a base di pesce fresco del ristorante.
Il matrimonio si è tenuto all’aperto nel giardino, con posti a sedere, tavoli da dieci e dodici persone, tranne noi sposi, in due al posto d’onore nella sala. Luci soffuse, fiaccole… mentre, come centrotavola  ho fatto realizzare dal fioraio delle piccole composizioni rotonde con fiori in cui prevalevano il rosa e il verde del fogliame (lisianthus), con al centro una candela.
matrimonio civile country-chic all'aperto cerimonia civileIl motivo per cui abbiamo trovato facilmente la disponibilità del ristorante che volevamo è dovuto anche al fatto che noi desideravamo un matrimonio con un limite di invitati, non ci piaceva l’idea di avere oltre un centinaio di ospiti. Così abbiamo potuto festeggiare con i nostri parenti più stretti e amici intimi, in un posto che ci piaceva, senza preoccuparci di trovare una sala abbastanza grande da contenere tantissimi ospiti.

Nozzi civili country-chic: idee creative homemade

Noi sposi, ci siamo occupati della realizzazione di bomboniere e tableau mariage.
Per il tableau mariage abbiamo creato su una tela posta su un cavalletto un tema floreale, con sfondo verde e nomi dei tavoli ispirati a un giardino(orchidea, magnolia, fiore di loto, anemone, iris per citarne alcuni), anche il tabellone riprendeva i colori verde e rosa come i centrotavola.
Le nostre bomboniere sono state realizzate da mia suocera, che ha la passione per la pittura e in passato ha anche esposto in diverse mostre di quadri: per il nostro matrimonio ha realizzato delle litografie che riprendono il tema marino delle nostre nozze, dai colori vivaci e allegri
. matrimonio civile country-chic bomboniere homemade litografieInoltre insieme alle bomboniere realizzate, io e Pietro abbiamo preso confetti assortiti (al cioccolato, cocco, limone, caffè, profitterol) che ho personalmente confezionato in cartoncini dalla forma quadrata di colore avorio, acquistati in appositi negozi per feste e addobbi, dello stesso colore utilizzato per i nostri inviti e partecipazioni, chiusi con un fiocco rosso e contenenti il classico bigliettino all’interno.

Nozze civili country-chic: la cerimonia

Un’altra cosa particolare del nostro matrimonio è stata la cerimonia, non classica, in Chiesa, bensì con rito civile all’aperto all’interno di un chiostro medievale, attualmente sede del municipio di San Lucido. Una cornice molto suggestiva e romantica piaciuta ai nostri invitati.
L’orario della cerimonia è stato fissato alle 18.30 ma io sono arrivata accompagnata da mio padre, con il tradizionale quarto d’ora di ritardo. Il mio sposo e sua madre mi attendevano all’ingresso della casa comunale. Poi, il percorso all’interno del chiostro fino al tavolo, allestito per la funzione celebrata dall’ufficiale di stato civile, lo abbiamo percorso mano nella mano, io e il mio Pietro. Abbiamo personalizzato anche la funzione, perché vi assicuro che anche un rito civile può diventare suggestivo ed emozionante.
matrimonio civile country-chic bouquet in rossoHo chiesto al fioraio di mettere un tappeto rosso lungo tutto il percorso che ho fatto, dalla macchina fino alla porta del comune e da qui fino all’interno del chiostro: all’interno, ho fatto mettere delle alzate con fiori rigorosamente bianchi e rossi, ho scelto le gerbere per l’occasione che mi piacciono molto, stessi fiori posti anche sul tavolo e ai lati dello stesso durante la celebrazione.
I fiori li ho voluti bianchi e rossi perché così li ho scelti anche per il mio bouquet, composto da questi due colori, ma con fiori diversi – tra cui lisianthus bianchi.
Ad accompagnarci durante l’ingresso nel comune ho scelto, come sottofondo, la celebre Ave Maria di Schubert, suonata dal vivo alle tastiere da mio fratello, mentre all’uscita dopo la cerimonia, io e Pietro abbiamo voluto che ci accompagnasse un brano a nostro avviso romantico, Forbidden Colors.
All’uscita siamo stati travolti dal tradizionale lancio del riso, messo negli appositi coni che, anche in questo caso, mi sono occupata di realizzare personalmente, posti in cestini di vimini che ho addobbato con tulle e rose bianche di stoffa, consegnati a due mie amiche con il compito di distribuire il riso dopo la funzione.
Ho acquistato i coni, color avorio come gli inviti: all’interno ho messo il riso bianco, non colorato, che ho precedentemente lavorato per togliere l’amido – il procedimento è facile e si trova su internet.

Nozze civili country-chic: idee per il ricevimento

Durante tutta la cena nel giardino del ristorante, piuttosto che il gruppo live, abbiamo scelto musiche soft di accompagnamento.
Per rendere più originale il nostro matrimonio, infatti, abbiamo scelto il volo delle lanterne che abbiamo fatto prima della torta, come desiderio e buon augurio per noi sposi. La prima lanterna l’abbiamo accesa e fatta volare io e Pietro, subito dopo a seguire le hanno accese gli invitati ai quali abbiamo dato una lanterna per ciascun tavolo con accendino.
Questo è stato un momento molto divertente e coinvolgente in cui molti ospiti si sono alzati dal tavolo condividendo con noi, e tra loro stessi, quell’evento magico.
nozze civili country-chic torta nuziale rossaLa torta nuziale è stata per me fiore all’occhiello del matrimonio. E’ stata infatti realizzata così come l’ho voluta io: tre piani, uno sull’altro, rotondi, tutti bianchi con una cascata di fiori di zucchero rossi. Anche questo a tema con il resto degli addobbi della cerimonia e del mio bouquet…

Nozze civili country-chic: la sposa, le fedi e i dettagli

Così come l’evento, anche il mio abito è stato un compromesso tra la modernità, la tradizione e il mio romanticismo.
L’ho preso da Atelier Emè di Emè, tutto bianco, corpetto liscio rasato con piccole spalline, scollo a cuore, sotto una cascata di tulle proprio come piace a me, in vita una rouge in tulle che formava un fiore, corto al ginocchio sul davanti e con coda dietro. Le scarpe sposa? Tacco 12 abbinate all’abito, open toe sul davanti con laccetto alla caviglia. matrimonio civile country-chic, acconciatura spsoa capelli lunghiInfine… le fedi nuziali che abbiamo scelto sono tradizionali ma leggermente meno bombate di quelle classiche, sempre in oro giallo: durante la cerimonia il nipotino di mio marito ci ha fatto da paggetto e ha portato il cuscino porta-fedi abbinato al mio vestito, fornitomi nell’Atelier.

Un resoconto preciso e dettagliato, quello di Angela, che ringraziamo per averci dedicato il suo tempo e averci permesso di sognare rivivendo le sensazioni provate in un giorno così bello.
Augurissimi Angela e Pietro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *