Come sopravvivere alla mamma e alla suocera invadenti e organizzare il matrimonio creativo dei propri sogni

State organizzando il matrimonio e avete idee ben precise sul fatto che dovrà essere creativo, originale e non convenzionale? Sono contenta, ma siete sicure di poterlo fare a modo vostro?

Diciamolo chiaro, l’organizzazione di un matrimonio scatena dei meccanismi perversi in molte madri, che siano la vostra o la madre del vostro amato bene. Iniziano con piccoli suggerimenti, con piccole considerazioni che minano la vostra creatività e poi esplodono, mettendo in campo la loro esperienza, le loro paure, la loro visione del mondo e delle tradizioni.

Prostooleh via Freepik

E finisce che dite addio in quattro e quattr’otto all’abito colorato, al bouquet di carta, al tableau mariage fatto di sughero e alle bomboniere artistiche fatte dall’amica o dall’abile artigiano.

Per sopravvivere allo stress da mamma e da suocera dovete allora mettere in campo tutte le astuzie della comunicazione, utilizzando la Programmazione Neuro Linguistica, le tecniche di vendita e le capacità relazionali di un consumato PR.
Siete pronte per imparare qualche trucchetto salva stress?

  1. O cara, nella nostra famiglia siamo abituati in un certo modo…

Solitamente è la suocera che parla così, minando la vostra sicurezza e mettendo in dubbio che il matrimonio che avete in mente sia quello che renderà felice il vostro futuro marito. In questo caso il suggerimento è di fare in modo che questa donna si racconti, e vi confidi come vede nel suo immaginario il matrimonio.

Assimilate le sue parole, imparate  il suo vocabolario, memorizzate la sua gestualità, quando qualcosa la entusiasma o le fa orrore, poi cercate qualche punto in comune e approfittatene per coinvolgerla. Se per esempio entrambe amate un certo tipo di musica, chiedetele di aiutarvi a scegliere il gruppo o selezionare le canzoni.
Fatela sentire importante, e raccontatele le altre cose che avete intenzione di fare, usando il suo vocabolario, mimando i suoi gesti.

  1. Quella location sarebbe perfetta. Ricordi il matrimonio di Giulia come è stato bello?

Qualcuno si sarà sposato prima di voi nella vostra famiglia e magari è vero che il matrimonio è stato bellissimo, ma voi avete altre idee e volete un altro luogo per festeggiare? Seminate il dubbio, il dubbio è un seme che attecchisce subito e cresce spontaneamente!

Quante volte sarà capitato anche a voi di andare ad un matrimonio e dire dopo che il cibo non vi è piaciuto, o il vino era scadente o ancora faceva freddo o caldo? Bene, che ne dite di: “Sai mamma che ho sentito che molti si sono lamentati però?” e inventate qualcosa.
Lo so, il vostro karma non uscirà molto pulito, probabilmente dovrete fare penitenza, ma almeno sarete salve.

  1. Guarda cara, è meglio se ci penso io!

Sono le mamme e suocere con la mania del controllo, quelle per le quali resterete sempre bambine (in caso di mamme) oppure non brave quanto loro (le amate suocere). Ma si sa, così come voi, sposando il vostro compagno, sposate anche la sua famiglia, allo stesso modo anche il vostro amato avrà a che fare con la vostra famiglia per il resto della sua vita.

In questo caso è necessario che si sentano partecipi e che possano scegliere per voi. Ma per finta! Nelle agenzie di comunicazione tutti i clienti sono così, ne sanno sempre più dei professionisti. Sapete che facciamo?
Elaboriamo una proposta, quella che ci piace, e poi altre due, sempre belle, ma di minore impatto e poi le proponiamo al cliente, che sceglie la soluzione che avevamo pensato per la sua azienda. Stessa cosa per le mamme: scegliete una rosa di fornitori che vi sono piaciuti, scegliete da sole, poi sottoponete la rosa dei candidati alle mamme so tutto io e lasciate che siano loro a decidere.

Insomma, un po’ di buon senso e di riguardo per queste mamme che perdono il controllo, che sono nostalgiche, che vorrebbero dire la loro, che pensano di sapere cosa sia meglio per voi, non vi farà male e qualche compromesso potete anche farlo. Siate ferme sì, ma con gentilezza, usate le tecniche di comunicazione, siate propositive e accoglienti e le farete sentire importanti e amate.

In fondo, tra poco lascerete il nido e per loro non sarà un momento facile, per quanto emozionante!

di Titta Trua