Matrimonio celtico: tradizioni e rito dell’handfasting

Un matrimonio dal sapore antico e magico, che fa parte della tradizione italiana. Unione di cuori in armonia con la natura

Quando si pensa alla cultura celtica la mente vola in Irlanda. Ma tutta l’Europa è stata abitata da questi popoli misteriosi che non hanno lasciato nulla di scritto, ma che ci hanno influenzato in modo sostanziale e hanno contribuito alla nostra identità. Troviamo i loro insegnamenti in molte ricette regionali, in molte bevande tradizionali, in molte feste durante l’anno e in alcune Regioni, come il Friuli Venezia Giulia, anche nella celebrazione delle nozze.

Sette giorni prima delle nozze, gli sposi si promettono con una cerimonia legata alla natura. Attraverso vari riti che coinvolgono aria, acqua, vento e terra infatti gli sposi si purificano. È un importante passaggio nella tradizione celtica perché per loro l’anima degli uomini si manifesta anche nella natura (alberi, pietre, ruscelli).

matrimonio celtico: le origini e le tradizioni in Italia

Le nozze

Rigorosamente immersi nella loro amata natura, preferibilmente in un bosco, dove acqua e terra convivono in armonia, con delle pietre vengono creati per terra dei grandi cerchi con le pietre e la celebrazione delle nozze può avere inizio.

Gli sposi scelgono una pietra, che viene purificata e tramandata poi di generazione in generazione, simbolo della memoria storica della famiglia, quindi si posizionano in piedi guardandosi negli occhi e unendo le mani che vengono legate da un laccio intrecciato bianco e rosso (rito dell’handfasting) a simboleggiare l’elemento maschile e quello femminile che si uniscono. Essi bevono poi dell’idromele da uno stesso calice cui segue l’accensione di un fuoco che sta a simboleggiare la loro passione e fanno insieme un giuramento su una pietra che verrà poi lanciata nel ruscello o lasciata sul luogo della cerimonia.

matrimonio celtico - rito dell'handfasting

 

Il ricevimento nuziale

Dopo la cerimonia iniziano le danze, che sono danze circolari, tipiche della tradizione dei popoli celtici e che rappresentano la continuità del tempo e inizia anche il banchetto a base di idromele (il nettare degli dei) e cinghiale, accompagnati dal suono celestiale dell’arpa.

 

Come fare oggi

Se vi piace l’idea di un matrimonio spirituale e dal sapore magico, pur restando nella tradizione italiana, il matrimonio celtico è un’idea molto bella – come questo real wedding che ospitiamo nella nostra sezione.

Basta scegliere la giusta location, tra i boschi, con un ruscello o un laghetto. Gli addobbi floreali dovranno prevedere il vischio, la pianta più sacra alla cultura celtica, con cui il Druido (sacerdote) benediceva gli sposi e la musica avrà come strumento principe l’arpa. Banchetto a base di cinghiale, dal sapore forte, con piatti insaporiti da erbe aromatiche e spezie, il cui uso i celti ci hanno tramandato e che abbiamo fatto nostro. E la sposa non si dimentichi di presentarsi allo sposo con il capo coperto da un cappuccio nero, come vuole la tradizione!

di Titta Trua

Rispondi

P.I. 038859400167 - Marketing Manager: Titta Teresa Trua - Marketing mail: marketing@matrimoniocreativo.eu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: