Analisi di un matrimonio

Prima di sposarsi, sempre più coppie scelgono di effettuare analisi mediche. Perché farle, a cosa servono

Ci si conosce, ci si innamora, si decide di sviluppare un progetto di vita insieme e ci si sposa. Al «vissero tutti felici e contenti» aspiriamo tutti, ma non sempre la vita ci riserva solo dolcetti e baci, soprattutto dal punto di vista della salute. Molte coppie decidono quindi di verificare la propria compatibilità genetica prima di sposarsi, per affrontare il bellissimo compito di diventare genitori con maggiore tranquillità. Il percorso si chiama analisi prematrimoniali e la coppia si può rivolgere ai consultori per richiedere di attivare l’iter, oppure può farsi consigliare dai rispettivi medici di base.

analisi prematrimoniali: cosa sono e quando farle
Photo: Freepik

 

Quando farle?

Se in famiglia si hanno casi di patologie particolari allora è meglio accertarsi di non essere portatori sani, pensiamo banalmente all’anemia mediterranea che è così diffusa nel nostro Paese. Questa patologia non crea problemi al portatore, ma se entrambi i futuri genitori ce l’hanno, il nascituro avrà il 25% di probabilità di  soffrire di talassemia major (morbo di Cooley), un tipo di anemia che conduce alla morte prima dell’adolescenza.


Ma io le farei sempre

A parte i casi specifici di malattie familiari o degli sposi già note, io però le analisi le farei a prescindere, forse perché so di non essere abbastanza forte da sopportare, eventualmente, la sofferenze di mio figlio e soprattutto perché la prevenzione permette anche di ovviare a molte patologie, con i giusti correttivi.

analisi prematrimoniali: gli esami preconcezionali prima di avere un figlio

Qualche esempio di analisi

Partirei banalmente dal fattore Rh del sangue. Perché è presto detto con un esempio: mamma con fattore Rh negativo e papà con fattore Rh positivo; se il bambino nella pancia della mamma ha fattore Rh positivo, può succedere che il loro sangue diventi “incompatibile”, mettendo a rischio la gravidanza.
Perché affidarsi alla sorte allora, quando basta un’analisi del sangue per poter prevenire l’insorgenza di problemi?

Un’altra analisi che farei è dedicata alla sposa, ed è il Rubeo-test, che serve a verificare se la futura mamma ha avuto la rosolia da ragazzina. Avere le malattie infettive da piccoli è sempre una grande cosa positiva. La rosolia in gravidanza è molto pericolosa, ma basta sapere di non averla avuta e vaccinarsi. Semplice no? Il medico, dopo un’anamnesi dei fidanzati saprà consigliare tutte le analisi adatte alla coppia, verificando così eventuali problemi e proponendo le soluzioni più appropriate.

analisi prematrimoniali: è giusto farle?

Un po’ di considerazioni

Non tutti sono d’accordo con questa scelta perché si dovrebbe accettare quello che il Signore ci manda.
Non metto in discussione le convinzioni o la fede di nessuno, però qui secondo me non si tratta di assicurarsi al mille per mille di avere figli bellissimi in futuro, ma semplicemente di non trovarsi all’improvviso a fronteggiare situazioni pericolose, proprio mentre si sta vivendo un sogno meraviglioso quale quello di portare avanti una gravidanza o crescere un figlio.


di Titta Trua

Rispondi

P.I. 038859400167 - Marketing Manager: Titta Teresa Trua - Marketing mail: marketing@matrimoniocreativo.eu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: