Amica mia ti sposi, e cosa ti regalo?

Fare un regalo agli sposi è una bella impresa, ma con un po’ di fantasia e con la guida del buongusto è possibile stupirli

Sarà che odio le buste, sarà che non amo le liste, sarà che mi piace girare, creare, pensare, ma a me l’idea di fare un regalo personale agli sposi è sempre piaciuta. La busta ha l’indubbio vantaggio che i nubendi possono mettere da parte un gruzzoletto per iniziare la loro vita insieme, anche se io mi domando quanto possano mettere da parte alla fine; certo, magari ci si paga il catering e la festa, però mi lascia sempre con l’amaro in bocca partecipare ai matrimoni “con busta”.

La lista regali ha un altro vantaggio invece, che non mi sento di biasimare del tutto: la certezza che avrai solo regali di nozze che ti piacciono. E certo che ti piacciono, li hai scelti tu! Ma viene meno la sorpresa, e io per l’effetto sorpresa sono anche disposta a scartare il quadro formato gigante del santo caro alla zia Ermelinda, o l’orrido vaso finto Ming dei vicini di casa, o il doppione del doppione dell’oggetto che va di moda al momento e che i negozianti propinano agli invitati come non plus ultra del regalo di nozze. Vi chiederete perché, ed è presto detto. Tra tutti, c’è sicuramente la cosa preziosa, non per valore economico magari, ma per l’amore con cui è stata scelta dall’amica del cuore.

Regalo agli sposi - cosa scegliere?

Il regalo deve piacere al destinatario

Scegliere un regalo per un’altra persona è sempre cosa ardita, lo sappiamo bene quando dobbiamo fare un pensiero per un compleanno. Ci arrovelliamo, giriamo tutta la città come trottole impazzite e viviamo nella incertezza fino a quando il festeggiato non emana la sentenza di placet che ci assolve. Però che avventura meravigliosa! Possiamo mettere alla prova la nostra conoscenza dell’altro, rinunciare a noi per comprare un regalo che piacerà al destinatario e non a noi che lo compriamo!

Ma cosa si può regalare?

Cosa regalare non posso certo insegnarlo io a voi. Voi conoscete gli sposi, e questa è la base da cui partire. A due pantofolai non regalerete certo una vacanza avventura per scalare una montagna, mi pare ovvio. Posso suggerirvi qualche idea, senza badare al prezzo o al valore economico, vi parlerò per esperienza personale, poi sarete voi a valutare.

Gli oggetti

Lasciamo stare tostapane e microonde, pensiamo a qualcosa di insolito che possa piacere, anche se non è utile.
I regali secondo me non devono essere utili, le cose utili me le compro da sola. Un articolo che mi fa sorridere il cuore proviene dal passato ed è la bottiglia da comodino. Mai sentita vero? Sono due bottiglie per l’acqua con il bicchiere coordinato che fa da tappo. Servono per portarsi l’acqua a letto la sera e le nostre nonne e bisnonne ne erano fornite. Sono oggetti molto belli, in cristallo, spesso satinato, o di design, insomma una chicca. Io le ho regalate ad una coppia di amici che avevano tutto, ma proprio tutto, come spesso accade alle coppie moderne che convolano a nozze dopo anni di convivenza. A loro sono piaciute molto.

Nella immagine potete vedere un bellissimo pezzo in versione moderna del designer Paolo Ulian, che ha realizzato questa bottiglie per l’acqua, che sono anche luce per la notte. E state sicure che non ci saranno doppioni! Potete poi decidere di far realizzare voi stesse un pezzo da qualche artigiano, in Italia ne abbiamo talmente tanti! Per una coppia di amici che stavano ristrutturando casa alla data delle nozze ho disegnato e fatto realizzare le piastrelle decorative che sono state poi montate nella zona lavanderia. Io le ho fatte realizzare da un’azienda di un paesino della Calabria, famosa per i suoi lavori in ceramica, ma voi potete trovare anche online chi le fa.
E già sono due idee decisamente carine no?

regalo agli sposi: bottiglia acqua e luce notte paolo ulian

Regalare l’arte

Un altro bel regalo è l’oggetto d’arte, che può essere un quadro o una scultura, una fotografia particolare. Attenzione però, perché in questo caso è fondamentale conoscere davvero gli sposi. Un pezzo antico potrebbe non piacere ad una coppia moderna, per quanto mi si spezzi il cuore ad ammetterlo! Voglio segnalarvi un sito di artisti emergenti, che vendono le loro creazioni online. Non sono tutte cose di mio gradimento, ma io sono una oramai una signora antica. Se poi siete sicure di voi stesse e del vostro gusto, io consiglio un giro nei mercatini dell’antiquariato, che offrono sorprendenti oggetti d’arte, oggetti preziosi e raffinati, che però dovete essere in grado di valutare.

Compare d’anello?

Ma si dice in tutta Italia “compare d’anello”, o è solo ad uso del Sud?
Comunque sia, a me piace molto la definizione. Il compare d’anello, quel testimone che si occupa delle fedi. Un ruolo importante, che lega la coppia al comprare o alla comare con un legame forte, che durerà nel tempo. Il compare d’anello dovrebbe proprio regalare le fedi agli sposi, un compito impegnativo. Nelle gioiellerie si vendono fedi bellissime, ne abbiamo già parlato in un articolo, ma se proprio volete fare una cosa diversa, fatele realizzare da un orafo!
Io l’ho fatto l’unica volta che ho avuto l’onore di fare la comare d’anello; il mio orafo mi ha fatto parlare degli sposi, dei loro gusti, del loro stile di vita; abbiamo scelto il materiale, oro bianco e oro rosa e poi mi ha dato appuntamento dopo qualche giorno per mostrarmi gli schizzi. Che spettacolo! Una volta realizzate le fedi, ho donato agli sposi anche i bozzetti con il progetto grafico.
Dove trovare un orafo? In ogni città ce ne sono e sono tutti grandi artisti, ma se avete un po’ di tempo, fate un giro nella patria dell’arte orafa: Valenza!

 

E voi avete qualche suggerimento per le nostre lettrici?
Scrivetele nei commenti e date il vostro contributo per il regalo più bello del mondo!

di Titta Trua

Rispondi

P.I. 038859400167 - Marketing Manager: Titta Teresa Trua - Marketing mail: marketing@matrimoniocreativo.eu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: