Il portamento è ciò che ci rende eleganti in ogni occasione. Nel giorno del nostro matrimonio facciamo in modo di essere delle principesse!

Una volta le lezioni di portamento e comportamento erano bagaglio essenziale nell’educazione delle giovani donne. Come camminare, che postura adottare, come parlare, ridere, mangiare. Tutto doveva essere perfetto,  per esaltare la grazia e la bellezza femminile.

Oggi si è perso l’uso di insegnare queste cose, ma rimangono comunque importanti perché continuano a fare la differenza. Vi è mai capitato di notare come alcune donne sembrino stare bene anche se indossano un sacco di iuta, oppure esprimano fascino ed eleganza quando si muovono tra la gente?
Sono le regole del portamento che fanno la differenza, o perché apprese in modo imitativo, in famiglia, o perché imparate. Siamo seri, che senso ha avere il vestito di nozze più bello del mondo se poi camminiamo come uno scimpanzé e parliamo come uno scaricatore di porto?
Ripercorriamo allora i consigli delle nonne per riscoprirne i vantaggi!

 

1. Giù i gomiti dalla tavola

Siete al centro dell’attenzione, tutti guardano la sposa durante il banchetto. Niente gomiti sulla tavola, ricordate la nonna!

V. Ivash via Freepik

 

2. Ridere discretamente

Mi ricordo da ragazzina, nonna Teresa che mi riprendeva quando ridevo a crepapelle. Mi diceva sempre che una signora elegante (avrò avuto 12 anni…) non ride mai così, ma con discrezione.
Provate, vedrete la differenza.

Prostooleh via Freepik

 

3. Pancia in dentro, petto in fuori

Questa per me era la parte più difficile, perché sono una donna formosa, con un seno che si nota e quindi ho sempre avuto la tendenza ad incassare le spalle per nascondere il décolleté. Ma è fondamentale, se si vuole fare un bell’effetto: raddrizzate le spalle, apritele e ritirate la pancia.

V. Ivash via Freepik

Se immaginate di avere un filo sulla testa e di tirarlo verso l’alto, vedrete che la schiena farà una leggera curva e il collo si allungherà. Fate una foto prima e dopo, e osservate che effetto diverso.

 

4. Passi piccoli per un buon portamento

In Cina c’era la triste abitudine di fasciare i piedi alle bambine per evitare che crescessero.

Evening_Tao via Freepik

Tale deformazione provocata agli inferiori conferiva un particolare modo di camminare alle donne, con passi molto piccoli, quasi una danza. Deprecabile abitudine, che per fortuna si è persa, ma una donna non dovrebbe avere la falcata di un gigante.
Fate sì che il vostro incedere attraverso la navata della chiesa sia elegante e fascinoso, con passi piccoli, morbidi, senza scatti.

 

5. Testa alta

L’utilizzo dello smartphone non ci ha aiutato a migliorare la postura e oggi sembriamo tante scimmie, camminiamo sempre con la testa bassa, impegnatissimi a leggere chissà quale cosa sul cellulare. Camminare a testa alta ci dona invece immediatamente eleganza.

Javi_indy via Freepik

 

6. Mangiare con garbo

Niente gomiti sulla tavola, l’abbiamo già detto e tenete le braccia strette. Immaginate di avere un libro sulla testa e due sotto le ascelle, è così che dovete mangiare! Non si avvicina la testa al piatto, ma si porta il cibo alla bocca.

Non ci si riempie la bocca, ma si prende sulla posata poco cibo. Per arrotolare gli spaghetti si prendono due o tre fili di pasta, non di più. Non siete Totò nella celebre scena della tavola imbandita. Il tovagliolo non si strofina sulla faccia come se fosse uno straccio per la polvere, ma si poggia delicatamente sulla bocca.

 

7. Il cibo nel piatto

Non sparpagliate il cibo nel piatto, ma siate ordinate. Alla fine di una portata il piatto non deve sembrare un campo di battaglia!

8. Sedersi con garbo

Avete presente quando torniamo a casa la sera e ci buttiamo sul divano, distrutte dalla giornata intensa di super lavoro che abbiamo appena superato?

Jcomp via Freepik

Bene, questo è quello che non dovete fare! Sedetevi piano, un po’ di sforzo fisico non ha mai fatto male a nessuno e il giorno merita un po’ di sacrificio! Non allargate le gambe, a tavola non accavallatele, ma tenete i piedi poggiati per terra paralleli; questo vi aiuterà anche a mantenere la corretta postura durante il pasto.

 

9. Scarpe ai piedi, please!

Una cosa che mi fa sempre inorridire è vedere le signore sedute a tavola che si tolgono le scarpe. Mi è capitato più spesso di quel che immaginate di vedere questa scena durante un matrimonio.

Indossare tacchi non è sempre facile, per questo io personalmente non ne porto. Ma se decidete di mettere il tacco, fate che sia un tacco che potete reggere per la durata del matrimonio. Non sfilatevi le scarpe mentre siete sedute a tavola, perché qualche persona antipatica come me non mancherà di notarlo!

 

10. Il tono della voce

Siete sedute finalmente a tavola, vi state godendo il meraviglioso banchetto di nozze che avete organizzato e che fate, rovinate tutto, urlando il nome di qualcuno per richiamarne l’attenzione? No!

Prostooleh via Freepik

Ricordate che siete la protagonista e che tutti vi stanno guardando, quindi vi basta fare un cenno. Non si urla, mai. Alzatevi piuttosto e andate direttamente dalla persona che volete chiamare. È anche un ottimo spunto per farvi ammirare in tutto il vostro incedere elegante e aggraziato!

di Titta Trua

Credits

Foto: Freepik